Marcatura CE, dal 9 agosto sono operative le sanzioni previste dal DL 106/2017

Se sei un Serramentista, un distributore o un mandatario della filiera dei serramenti devi sapere che dal 9 agosto sono diventate operative le sanzioni previste dal Regolamento (UE) n.305/2011
Il produttore di serramenti che non rispetta quanto definito per la marcatura CE è prevista una sanzione penale (arresto fino a 6 mesi) e una ammenda compresa tra 10.000 e 50.000 €.
 
 
1. Quali sono gli obblighi dei serramentisti? 
 
I Serramentisti hanno l’obbligo di produrre e immettere sul mercato del serramento (finestre, portefinestre, porte e lucernari) marcati CE a partire dal 2 febbraio 2010. Apporre la marcatura CE sui propri serramenti significa immettere sul mercato manufatti (intesi come prodotti finiti ma non installati) conformi:
  • al Regolamento Prodotti da Costruzione (UE) n. 305/2011;
  • alla norma di prodotto UNI EN 14351-1+A1:2010;

 

 

2. Cosa devono fare i serramentisti per apporre la marcatura CE?
 
Il produttore di finestre deve dichiarare tutte le caratteristiche definite “essenziali” (scarica allegato)dalla norma di prodotto di riferimento (vedi allegato 1) e in corrispondenza di ciascuna deve dichiarare un valore prestazionale, che potrà essere: 
  • il livello prestazione posseduto dai serramenti di sua produzione e accertato secondo le metodologie (prova di laboratorio o calcolo a seconda del requisito) previste dalla norma di prodotto;
  • NDP (Nessuna Prestazione Determinata). Il costruttore non può avvalersi dell’opzione NPD ma è obbligato a dichiarare il livello prestazione. In Italia le caratteristiche per le quali il Serramentista ha l’obbligo di dichiarare il livello di prestazione sono:
  • per finestre, portefinestre, porte esterne pedonali: la trasmettano termica e la permeabilità all’aria;
  • per lucernari: la trasmittanza termica, la permeabilità all’aria e la trasmissione luminosa (https://www.alsistem.com/news/magazine/il-fattore-di-trasmissione-solare-totale-ggl-sh-può-essere-considerato-come-gtot.html).

 

Vi ricordiamo inoltre che il serramentista è obbligato in tema di sicurezza sottostare alle prescrizioni della norma UNI 7697 “Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie” che guida alla scelta delle detrazioni di sicurezza in funzione dell’applicazione e della destinazione edilizia, in modo da garantire la sicurezza dei fruitori. 
Tra le prescrizioni più importanti della UNI 7697: 
  • le lastre esterne ed interne dei vetrocamera dei serramenti posti ad altezza inferiore ai 100 cm dal piano di calpestio devono essere di sicurezza; 
  • le lastre interne dei vetrocamera dei serramenti posti ad altezza superiore ai 100 cm dal piano di calpestio devono essere di sicurezza (novità).

I vetri di sicurezza possono essere di vetro temperato oppure stratificato, così classificati per quanto riguarda la resistenza all’urto secondo la UNI EN 12600: 

  • vetro temperato: classe minima 1C3; 
  • vetro stratificato: classe minima 2B2.

 

 

 

Tutti i Sistemi in alluminio di ALsistem sono stati testati presso Laboratorio Notificato e provvisti di Certificati ITT.

 
Per ulteriori informazioni scarica il Decreto Legislativo 16 giugno 2017, n. 106.

Newsletter

Ricevi direttamente via mail gli aggiornamenti pubblicato su questo sito, iscriviti qui sotto